Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

18

set

2018

Elon Musk ha svelato il nome del primo turista lunare

Un miliardario giapponese salirà a bordo del Big Falcon Rocket di SpaceX

E’ Yusaku Maezawa, il fondatore del colosso giapponese del commercio on line Zozo, il misterioso turista che ha firmato per la prima missione lunare della SpaceX. Elon Musk lo ha annunciato qualche ora fa, durante la webcast effettuata dal quartiere generale di Hawthorne, in California.

ARTICOLI

16

giu

2017

12 Nuovi Astronauti per la NASA

NASA Ascan Class 2017

Forse i primi uomini e donne che cammineranno su Marte

Sono stati presentati alla stampa i 12 nuovi candidati astronauti (Ascan nel linguaggio della NASA) che inizieranno il corso di formazione che li trasformerà in autentici professionisti dello spazio. E’ il cosiddetto “basic training”, un ciclo di formazione di almeno due anni che, oltre alle lezioni teoriche di tipo universitario, prevede attività che non si trovano in nessun curriculum accademico: corsi di sopravvivenza, immersioni subacquee, voli su aerei da addestramento e sessioni nei più sofisticati simulatori di veicoli spaziali.

14

giu

2017

Schiaparelli tradita dai suoi sensori

Sequenza delle diverse fasi della discesa di Schiaparelli nell'atmosfera marziana

Il rapporto ufficiale dell’ESA sulle cause del fallimento della sonda europea

E’ passata quasi inosservata la pubblicazione dei risultati della commissione di indagine dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sullo schianto della sonda Schiaparelli. Dopo che molto è stato detto, anche a sproposito, sulle cause del fallimento, abbiamo finalmente le valutazioni ufficiali: Schiaparelli non è riuscita ad effettuare un “ammartaggio” morbido sul suolo marziano perché il computer di bordo è stato “confuso” dalle informazioni conflittuali ricevute dai sensori del veicolo.

31

mag

2017

La Tabby's Star colpisce ancora

Immagine artistica della sfera di Dyson

E’ cominciata una nuova caccia alla stella forse più aliena osservata dal telescopio Kepler

Nel settembre del 2015, fece scalpore la notizia di strane e improvvise diminuzione della luce di una stella nota come KIC 8462852 e subito ribattezzata Tabby's Star, dal diminutivo della sua scopritrice, una ricercatrice dell’Università di Yale chiamata Tabetha Boyajian. Qualche giorno fa, dopo quasi due anni, c’è stato una nuova riduzione della sua luminosità che ha messo in allarme gli osservatori di tutto il mondo. E’ cominciata una nuova caccia, con la speranza di avere maggiori informazioni sul fenomeno.

20

mag

2017

Ritornare sulla Terra con la Dragon v2

Interni della capsula Dragon v2

Dopo il veicolo cargo, SpaceX pensa alla capsula per gli astronauti

Due settimane fa, SpaceX ha effettuato il suo quinto lancio dal Kennedy Space Center e, come già avvenuto nei lanci precedenti, il primo stadio del vettore Falcon 9 ha effettuato un atterraggio controllato nella “Landing Zone 1”, la piazzola designata lungo la costa. E’ il quarto ritorno a terra effettuato con successo dopo alcuni fallimenti iniziali.

09

mag

2017

Il drone spaziale è atterrato dopo quasi due anni passati in orbita

X-37B atterrato al KSC in Florida

Appena concluso l’ultimo volo dello X-37B

E’ appena terminato l’ultimo volo dello X-37B. Il veicolo spaziale senza equipaggio dell’Aeronautica USA è atterrato domenica scorsa sulla pista del Kennedy Space Center, la stessa utilizzata dallo Space Shuttle. Proprio come per la navetta della NASA, il boom del passaggio da supersonico a subsonico, ha annunciato il suo arrivo nei cieli della Florida.

02

mag

2017

La gru della Stazione Spaziale compie 16 anni

Canadarm2 appena istallato sulla Stazione Spaziale (2001)

Il 24 Aprile del 2001, il Canadarm2 veniva istallato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

L’istallazione del braccio robotico, noto anche come SSRMS (Space Station Remote Manipulator System), richiese molte ore di lavoro a bordo della navetta spaziale, per estrarlo dalla stiva dell’Endeavour e collocarlo all’esterno del modulo Destiny, e l’intervento “in loco” di Chris Hadfield e Scott Parazynski che effettuarono due lunghe passeggiate spaziali per completare il montaggio e assicurare tutti i collegamenti elettrici.