Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

20

lug

2017

Forse un segnale alieno dal sistema stellare ROSS 128

L'Osservatorio di Arecibo ha registrato uno “strano” segnale radio proveniente da una nana rossa

Da decenni gli astronomi utilizzano le onde radio per studiare stelle, galassie e altri oggetti celesti. L'astronomia radio è anche un modo per cercare indizi su eventuali intelligenze extraterrestri, come ad esempio il programma SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence). Finora non è stato trovato nessun elemento concreto ma alcuni episodi hanno alimentato, almeno per un breve periodo, le speranze di trovare un "segnale alieno".

Il radiotelescopio di Arecibo

28

giu

2017

Nessuna rivelazione della NASA sugli UFO

Dopo l’annuncio di Anonymous, la smentita dell’ente spaziale americano

Basandosi sulle notizie che circolano su internet, periodicamente si sente parlare di “annunci sensazionali” sugli alieni o sugli UFO da parte della NASA oppure, con la stessa enfasi, che l’ente spaziale stia nascondendo le prove su questi "fatti".

 
L’ultima dichiarazione riguarda  Anonymous, il noto gruppo di attivisti hacker, che ha messo in rete un video che conterrebbe le prove che l’ente spaziale americano: « sta per fare un annuncio “esplosivo” riguardante intelligenze aliene. La NASA dichiara che gli alieni stanno arrivando!».
 
Data la fonte, la notizia ha ricevuto maggiore attenzione del solito ed è rimbalzata sulle pagine di molti giornali e testate on line, al punto che Thomas Zurbuchen, Amministratore Associato della Direzione delle Missioni Scientifiche della NASA, ha dovuto pubblicare una smentita: «Contrariamente ad alcuni rapporti, non c'è alcun annuncio in arrivo da parte della NASA sulla vita extraterrestre».
 
Il video di Anonymous, che è stato visto più di un milione di persone, contiene una raccolta molto frammentata e poco coerente di dichiarazioni tratte da citazioni di varie persone e di frasi estrapolate dai siti web della NASA. La frase, che secondo gli autori dimostrerebbe le affermazioni sugli alieni, è “estrapolata” dal testo del discorso che Zurbuchen ha pronunciato davanti alla Commissione Scientifica del Congresso: «Tenendo conto di tutte le attività e missioni che stanno specificamente cercando prove di vita aliena, siamo in procinto di fare una delle scoperte più profonde e senza precedenti della storia».
 
Nell’audizione Zurbuchen si riferisce alle tracce di forme di vita aliene che potrebbero essere scoperte dalle prossime missioni come Mars 2020, dove ci sarà un sofisticato rover marziano, o come Europa Clipper, diretta ad esplorare il mare sotto la coltre di ghiaccio della luna di Giove. Entrambe queste missioni, infatti, cercheranno segni di vita e condizioni adatte alla vita su altri corpi celesti. Trattandosi di una audizione al Congresso, il tono era il più evocativo possibile per assicurare il supporto della politica alle scelte della NASA. E’ certo, comunque, che da nessuna parte è stato detto che la NASA ha scoperto forme di vita aliena né, tantomeno, un’intelligenza extraterrestre.
 
Insomma, le affermazioni del video di Anonymous sono pure  speculazioni che prendono le mosse da estrapolazioni di materiali di dominio pubblico, facilmente reperibili online: non c’è nessuna “rivelazione del secolo”. Probabilmente si tratta dell’ennesimo esempio di “fake news”, stavolta da parte di un gruppo che vorrebbe mettere a fuoco le false notizie dei canali ufficiali. 
 
Anche alla luce delle migliaia di pianeti scoperti dal telescopio Kepler, sono convinto che le prove dell’esistenza di forme di vita aliene, o addirittura di civiltà extraterrestri, siano solo una questione di tempo. Quando i dati accumulati saranno incontrovertibili, non potrà esserci nessun “complotto” che possa tenere segreta una tale scoperta. Sarà davvero un cambio di prospettiva, una “rivoluzione copernicana” destinata, probabilmente, a cambiare la storia dell’umanità.
 
 
Pubblicato sul Blog dell'AGI (Agenzia Giornalistica Italia) nella sezione SPAZIO:

Lascia un commento