Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

16

dic

2017

La NASA presenta il sistema stellare Kepler-90

Una versione in miniatura del nostro sistema solare

L’ente spaziale americano ha appena annunciato una nuova scoperta del telescopio spaziale Kepler, il "cacciatore di mondi", la cui missione è appunto quella di scoprire la presenza di pianeti intorno alle stelle più vicine.

Il sistema Kepler-90 a confronto con il Sistema Solare

02

mag

2017

La gru della Stazione Spaziale compie 16 anni

Il 24 Aprile del 2001, il Canadarm2 veniva istallato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

L’istallazione del braccio robotico, noto anche come SSRMS (Space Station Remote Manipulator System), richiese molte ore di lavoro a bordo della navetta spaziale, per estrarlo dalla stiva dell’Endeavour e collocarlo all’esterno del modulo Destiny, e l’intervento “in loco” di Chris Hadfield e Scott Parazynski che effettuarono due lunghe passeggiate spaziali per completare il montaggio e assicurare tutti i collegamenti elettrici.

 
 
Da allora, Canadarm2 è stato utilizzato per spostare carichi pesanti, per agganciare i nuovi moduli e i pannelli solari, per gli interventi di manutenzione della SSI e per assistere gli astronauti in circa un centinaio di attività extra-veicolari (EVA).
 
Negli ultimi anni, gli equipaggi della stazione spaziale hanno utilizzato il carro ponte canadese per afferrare e “ far attraccare” i veicoli commerciali in arrivo, come ad esempio la navicella cargo Cygnus - che porta il nome di “John Glenn” - appena arrivata sulla stazione spaziale.
 
Il braccio, lungo 18 metri, può essere montato su un carrello (Mobile Base System o MBS) che scorre sui binari che si trovano lungo tutta la struttura portante della stazione (Truss) e può essere utilizzato con una speciale “mano  robotizzata”, conosciuta come Dextre, per lavori di particolare precisione. 
 
Canadarm2 viene normalmente operato dagli astronauti della SSI, grazie a una consolle posizionata nella Cupola, da dove si ha una veduta panoramica dei diversi moduli della stazione. A volte, però, i tecnici del centro di controllo di Houston possono azionare il braccio robotico in modo remoto, come è stato fatto recentemente per trasferire il sistema di aggancio per i nuovi veicoli commerciali (Dragon2, CST-100 Starliner) che trasporteranno gli astronauti della NASA nei prossimi anni.
 
Se siete curiosi di provare il brivido di operare il Canadarm2, non c’è bisogno di andare in orbita. Si può fare un'esperienza di prim'ordine utilizzando il “simulatore del Canadarm2” (http://www.asc-csa.gc.ca/eng/multimedia/games/canadarm2/default.asp), un gioco online in cui è possibile mettersi ai comandi del braccio robotizzato durante una missione simulata a bordo della SSI.
 
Articolo pubblicato sul Blog dell'AGI (Agenzia Giornalistica Italia) nella sezione SPAZIO:

Lascia un commento