Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

01

mar

2017

La sfida lunare di Elon Musk

Riflessioni sul primo viaggio commerciale verso la Luna

SpaceX, la compagnia guidata da Elon Musk, ha annunciato che invierà un paio di turisti intorno alla Luna entro la fine del prossimo anno. La missione potrebbe essere lanciata nel dicembre del 2018, in occasione del 50° anniversario dello storico volo dell’Apollo 8 che portò i primi astronauti della NASA a girare intorno alla Luna, alla vigilia di Natale del 1968. Se dovesse riuscire, i ricchi passeggeri sarebbero i primi esseri umani ad avventurarsi oltre l’orbita terrestre in questo nuovo secolo.

05

lug

2016

Giunone abbraccia Giove

Grande eccitazione al centro di controllo della NASA per l’ingresso in orbita di Juno

Dopo un viaggio di 5 anni, alle ore 5:53 ora italiana (era ancora il 4th of July in America) la sonda Juno è entrata in orbita intorno a Giove, il più grande dei pianeti del sistema solare.

Tutto è enorme in questo corpo celeste: ha il campo magnetico più intenso del sistema solare e ha il più alto livello di radiazione tra i pianeti (1000 volte il livello letale per un essere umano). Giove è conosciuto anche per la sua Grande Macchia Rossa, che in realtà è un enorme uragano, tanto grande da contenere la Terra, che è in attività da centinaia di anni.
 
L’obiettivo della missione è quello di studiare in dettaglio le caratteristiche del gigante gassoso per rispondere agli interrogativi ancora aperti e, in prospettiva, per saperne di più  sull’origine del sistema solare. Nel prossimo anno e mezzo, la sonda effettuerà 37 orbite intorno ai poli del pianeta, ad un’altezza di appena 5.000 chilometri sopra le cime delle nubi, e userà i suoi strumenti per arrivare a sondare cosa c’è sotto il la fitta atmosfera di Giove.
 
La durata della missione e la sua orbita polare è stata studiata per ridurre al minimo i danni prodotti dalle feroci radiazioni della magnetosfera gioviana. In aggiunta, il computer di bordo e gli altri dispositivi elettronici (come lo star-tracking utilizzato per la navigazione) sono protetti da una specie di "giubbotto antiproiettile", rappresentato da una scatola di titanio di 180 kg che dovrebbe ridurre i danni del bombardamento di particelle ad alta energia.
 
I dati sulla presenza di acqua all'interno di Giove saranno fondamentali per capire come si è evoluto il sistema solare. Ad esempio, se Giove si è formato lontano dal Sole, cioè dove si trova ora, le basse temperature dovrebbero aver favorito l’accumulo di ghiaccio durante la formazione del pianeta e si dovrebbe misurare una quantità di acqua maggiore che se si fosse formata più vicino al Sole, come hanno ipotizzato alcuni studi. 
 
Juno potrà analizzare l’interno di Giove, ancora misterioso, nonostante il pianeta sia composto di due elementi semplici e abbondanti nell'universo, come l’idrogeno e l’elio. Le enormi pressioni al suo interno, però, potrebbe aver creato le condizioni per un nucleo composto di elementi pesanti o addirittura, come qualcuno ha ipotizzato, del cosiddetto idrogeno metallico, uno stato degenere in cui il gas si comporterebbe come un metallo liquido superconduttore, caratteristica che potrebbe spiegare la presenza del fortissimo campo magnetico.
 
 
Oltre agli esperimenti scientifici, la sonda Juno porta anche una targa commemorativa dedicata a Galileo Galilei. La targa raffigura un ritratto di Galileo, ed una frase in italiano scritta nel 1610, in occasione dell’osservazione dei 4 maggiori satelliti di Giove (Io, Europa, Ganimede e Callisto) che Galileo chiamò Satelliti Medicei e oggi sono noti come  Satelliti Galileiani. A bordo ci sono anche i pupazzetti della Lego che rappresentano Galileo, Giove e Giunone.
 
La missione di Juno durerà fino al febbraio 2018, quando verrà inviato il comando di immergersi nell’atmosfera densa di Giove, una manovra suicida progettato per evitare che la sonda, con l’eventuale carico di microbi terrestri, possa contaminare le lune di Giove, dove in molti scommettono sulla possibile esistenza di forme di vita extraterrestre.
 

Lascia un commento