Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

01

mar

2017

La sfida lunare di Elon Musk

Riflessioni sul primo viaggio commerciale verso la Luna

SpaceX, la compagnia guidata da Elon Musk, ha annunciato che invierà un paio di turisti intorno alla Luna entro la fine del prossimo anno. La missione potrebbe essere lanciata nel dicembre del 2018, in occasione del 50° anniversario dello storico volo dell’Apollo 8 che portò i primi astronauti della NASA a girare intorno alla Luna, alla vigilia di Natale del 1968. Se dovesse riuscire, i ricchi passeggeri sarebbero i primi esseri umani ad avventurarsi oltre l’orbita terrestre in questo nuovo secolo.

03

ott

2016

Coloni su Marte: Fantasia o realtà?

Alcuni commenti sulla proposta di Elon Musk di inviare coloni su Marte

Qualche giorno fa, l’imprenditore americano Elon Musk ha rivelato un progetto per inviare coloni su Marte. Sembra un’idea al limite della fantascienza, ma è davvero realizzabile e con quali modalità?

Musk è il fondatore e il presidente della società privata SpaceX, che attualmente utilizza il razzo Falcon 9 e la capsula Dragon per inviare i rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale (SSI) per conto della NASA. Entro l’anno prossimo, la SpaceX dovrebbe mandare i primi astronauti americani verso la SSI e, entro il 2018, potrebbe inviare su Marte una capsula Red Dragon senza equipaggio, grazie ad un razzo più grande e potente (Falcon Heavy), in via di sviluppo.

Da qui a costruire astronavi che potrebbero trasportare centinaia di persone sul Pianeta Rosso, il passo è lungo e richiederebbe la realizzazione di un vero e proprio Sistema di Trasporto Interplanetario (Interplanetary Transport System o ITS) con un gigantesco razzo (3-4 volte più potente del mitico Saturno V), vere e proprie astronavi (capaci di trasportare centinaia di passeggeri) e sistemi di supporto per la sopravvivenza degli esseri umani su Marte. Per non parlare dell’obiettivo, anche se a più lungo termine, di alterare l'ambiente e l'atmosfera di Marte per renderle più adatte per la vita terrestre (terraforming).

 
Sembra un piano assai ambizioso da tutti i punti di vista: dalla tecnologia necessaria per una tale impresa, ai tempi ridottissimi entro cui si immagina di raggiungere questi obiettivi (il primo equipaggio dovrebbe raggiungere Marte entro il 2024), per non parlare dell’enorme finanziamento richiesto. Ciononostante, secondo alcuni esperti, non sembra impossibile, pur se rimangono numerose riserve, prima di tutto sui tempi e sugli investimenti. 
Proprio per gli enormi capitali necessari per attuare un progetto di queste dimensioni (SpaceX parla di 10 miliardi di $ ma probabilmente dieci volte di più), è ragionevole aspettarsi che la compagnia abbia bisogno di ulteriori fonti di finanziamento e la NASA potrebbe diventare uno dei partner di questa impresa. E’ probabile che, nel medio termine, i piani della NASA e di SpaceX per inviare uomini su Marte finiscano per convergere.
 
Tuttavia siamo solo agli annunci e, prima di passare alla fase di realizzazione, la SpaceX dovrà articolare in modo più dettagliato come intende superare le numerose sfide tecniche e operative. Ad esempio l’affidabilità degli oltre 50 nuovi motori Raptor necessari per ogni lancio dalla Terra o dei motori per la ripartenza dalla superficie marziana, che sarebbero alimentati da una miscela metano-ossigeno, elementi potenzialmente disponibili su Marte ma il cui utilizzo richiederebbe sistemi di estrazione e di stoccaggio tutti da concepire e da sperimentare.
 
Un primo risultato è stato comunque raggiunto: Musk è riuscito ad attirare l’attenzione del pubblico e della stampa sull'esplorazione dello spazio. La sua straordinaria visione è destinata ad ispirare moltissimi giovani e a risvegliare lo spirito avventuroso del genere umano, almeno di quelli che credono che la nostra specie diventerà prima o poi  “multi-planetaria". 
 

Commenti da parte dei lettori

Marco Manuel Ivagnes

12/10/2016
Musk è un imprenditore con una grande visione, capace di catalizzare menti e risorse per una grande impresa spaziale

Matteo Rendina

04/10/2016
Tecnicamente fattibile, si o no, direi proprio di si. In molti campi tecnologici é solo una questione di soldi e tempo... La cosa veramente affascinante in tutto questo é Musk stesso, una persona con una visione e con un piano per realizzarla (non é l'unico). Purtroppo per noi la maggior parte dei ricchi sulla Terra hanno ben altre visioni nelle loro teste, e queste hanno ben poco a che vedere con il bene e l'evoluzione dell'umanità. Di solito sono orientate all'acquisizione e il consumo spropositato di beni materiali. Peccato che nella nostra società si disperda una gran parte di risorse (finanziare e umane) in ambiti ben poco utili... qualcuno dovrebbe stimare "l'efficienza" dell'utilizzo delle risorse, noteremmo quanto viene sprecato, e quanto più veloce potremmo evolvere focalizzando e guidando l'uso delle risorse.

Lascia un commento