Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

28

nov

2017

Il primo visitatore dallo spazio interstellare

Si chiama ‘Oumuamua l'asteroide che ha attraversato il nostro Sistema Solare

Qualche settimana fa è stato segnalato il passaggio di un oggetto proveniente dallo spazio interstellare, quell’enorme oceano di vuoto che separa il nostro sole dagli altri astri. Da allora, ne sappiamo un po’ di più, a cominciare dal nome, ora ufficialmente ‘Oumuamua, che in hawaiano significa «messaggero da lontano che arriva per primo».

Rappresentazione artistica dell'asteroide ‘Oumuamua

19

mag

2016

Centomila orbite per la Stazione Spaziale Internazionale

Un'altro record per l'avamposto umano nello spazio

Lunedi, 16 maggio, la Stazione Spaziale Internazionale (SSI) ha completato la sua 100millesima orbita intorno alla Terra. Il primo componente della SSI è stato lanciato il 20 novembre 1998 e da allora la base spaziale ha girato incessantemente intorno alla Terra, completando un’orbita ogni 90 minuti, viaggiando all’incredibile velocità di oltre 28 mila chilometri all'ora e a un’altitudine di circa 386 chilometri.

Durante le sue 100.000 orbite, la SSI ha percorso più di 4 miliardi km, l'equivalente di 10 missioni su Marte andata e ritorno, oppure di un viaggio fino alla distanza di Nettuno.
 
Dal novembre 2000 è stata occupata in permanenza da astronauti di diverse nazionalità, ognuno dei quali è rimasto a bordo dell'avamposto per cinque o sei mesi alla volta. In oltre 15 anni più di 200 persone hanno visitato la stazione spaziale (tra cui una manciata di turisti spaziali che ha pagato un biglietto piuttosto salato). Attualmente la SSI può ospitare sei membri di equipaggio e dispone di uno  spazio abitabile equivalente a quello di una casa di cinque camere da letto. 
 
La Stazione spaziale è stata finora una base scientifica  unica nel suo genere ma anche un luogo per mettere a punto le tecnologie necessarie per l’esplorazione umana del sistema solare, come gli asteroidi e Marte. In questi anni, sono stati quasi 2000 gli esperimenti condotti, molti dei quali hanno utilizzato le condizioni di assenza di peso che sono la caratteristica peculiare del laboratorio orbitante.
 
Secondo gli accordi tra la NASA e gli altri partner internazionali, la Stazione Spaziale Internazionale continuerà il suo viaggio intorno alla Terra fino al 2024 ma è possibile un’estensione della sua vita operativa fino al 2028. 
 

Lascia un commento