Benvenuto nel sito web ufficiale di

Umberto Guidoni

Astronauta - Scrittore - Divulgatore

09

giu

2018

Curiosity non ha trovato segni di vita aliena ma siamo molto vicini

La sonda ha però individuato molecole organiche che sono i mattoni fondamentali della vita

L’annuncio che la sonda Curiosity avrebbe trovato tracce di vita su Marte ha fatto il giro del mondo. Tuttavia, la notizia è stata ridimensionata proprio dagli astrobiologi che lavorano sui dati della sonda che hanno precisato che, in realtà, la sonda ha individuato molecole organiche nelle rocce del pianeta rosso e ha evidenziato un ciclo stagionale nella concentrazione del metano atmosferico, il che farebbe pensare a un’origine biologica.

Illustrazione artistica di Curiosity su Marte

01

nov

2015

15 anni vissuti nello spazio

Il 2 novembre 2000 il primo equipaggio residente sulla Stazione Spaziale Internazionale

Quindici anni fa William Shepherd, Sergei Krikalev e Yuri Gidzenko arrivavano a bordo della Spaziale Internazionale (SSI) diventando il primo equipaggio residente. Da allora 45 equipaggi si sono succeduti sulla SSI che, da cantiere ancora in costruzione come era quando l’ho visitata nel 2001, è cresciuta fino a trasformarsi nella più grande base mai costruita in orbita intorno alla Terra. In questi anni è stata raggiunta da più di 200 astronauti, di 15 paesi diversi, che hanno imparato a vivere e lavorare insieme fuori del nostro pianeta.

La Stazione Spaziale Internazionale rimarrà in orbita per altri dieci anni. Sarà il banco di prova dove sperimentare le tecnologie che ci faranno  spiccare il balzo oltre l’orbita della Terra, per iniziare ad esplorare gli altri corpi del  sistema solare, a cominciare da Marte e dagli asteroidi. 

Lascia un commento